Patrizio Dall’Argine nato a Parma il 28 luglio 1971.

Diplomato al liceo artistico di Parma.

 

Nel 1989 inizio l’esperienza del LABORATORIO PERMANENTE TEATRO AL PARCO, studiando animazione e regia con Maurizio Bercini e drammaturgia con Marina Allegri. Il laboratorio realizzerà in sei anni i seguenti spettacoli:

 

1990- GLADIATOR! IL FILOSOFO, L’ATLETA, IL GIOCATORE evento del festival micromacro di Reggio Emilia

1991- TELEMACO

1992- PINOCCHIO, AHI! MI HAI FATTO MALE vincitore del Premio Riccione-Camera TV, e di riconoscimenti nei festival europei di Bruchsal, Erlangen  ( Germania) Nantes, Laval ( Francia), Amsterdam ( Olanda).

1993- I TRE PORCELLINI

1994- LA TORRE DI BABELE un progetto in collaborazione con il Teatro Massalia di Marsiglia e il Conservatorio di Dresda.

 

Nella tregua di guerra in Dalmazia, prima dell’operazione “Tempesta” effettuata dall’esercito indipendentista croato (con l’appoggio dei servizi segreti americani) che aveva come obbiettivo la cacciata dei cittadini di etnia serba da tutto il territorio dalmata, il LABORATORIO PERMANENTE TEATRO AL PARCO è chiamato dal COMITATO EMERGENZA INFANZIA diretto da Mario Tommasini a partecipare al festival di Sebenico, o meglio, a quello che ne rimaneva. Seguiti da Marco Fratoddi, giornalista del quotidiano “il manifesto”, abbiamo realizzato spettacoli e murales.

 

Nel 90 partecipo come attore al progetto “Antigone delle città” diretto da Marco Baliani, evento in commemorazione dei dieci anni della strage della stazione di Bologna.

 

Dal 1991 inizio a lavorare come professionista al TEATRO DELLE BRICIOLE di Parma. Come pittore-scenografo e costruttore di oggetti e pupazzi realizzo gli allestimenti dei seguenti spettacoli:

1991- Pinocchio regia Letizia Quintavalla

1992- Lo Stralisco regia Maurizio Bercini

1993- La Bella e la Bestia regia M. Bercini

1994- La notte dei Mulini regia di Bruno Stori

1995- Canti Briganti regia M. Bercini

1995- Mi rifiuto! regia m. Bercini ( di cui sono anche attore e autore)

1996- Tincenerisco regia di M. Bercini (di cui sono anche attore)

1997- Il canto dei canti regia M. Bercini

1997- L’omino della sabbia regia M. Bercini

1998- Alice regia di Fabrizio Montecchi e M. Bercini,

            coproduzione con il Teatro Gioco-vita di Piacenza

1998- Cuore di cane regia M.Bercini ( di cui sono anche attore e co-autore)

1999- La storia di Cecco Rivolta regia di M.Bercini( di cui sono anche attore)

2000- Toni- l’avventura umana di Antonio Ligabue (di cui sono anche attore)

 

Nel 1994 dipingo le scene dello spettacolo “La bancarotta” di C. Goldoni, produzione Teatro Due di Parma, regia di Gigi Dall’Aglio.

 

Nel 1995 dipingo le scene al Theatre National di Evreaux ( Francia) per lo spettacolo “ Le chant des tambours”

 

Nel 1995 fondo il gruppo teatrale “I ragazzi della Ghiaia” dove figuro come regista, autore e attore.

Gli spettacoli del gruppo:

1995- IL FARO ( finalista Premio ETI-Scenario)

1996- OGGI E’ PROPRIO OGGI

1997- UNDERFANGO

 

Nel triennio 97,98,99, lavoro con la compagnia Fontemaggiore di Perugia nello spettacolo “In bocca al pescecane” dove recito a fianco dell’attore Giampiero Frondini.

 

Nel 99 vinco il premio Eti- Scenario come regista, autore e unico interprete del monologo “CONTRAEREA”, liberamente ispirato al libro La guerra in casa dello scrittore Luca Rastello. Tra i giurati figuravano Sandro Lombardi e Marco Baliani.

 

Nel 2002 sono tra i fondatori della compagnia “Cà luogo d’arte” diretta da Maurizio Bercini, con cui inizio ad approfondire il linguaggio del teatro dei burattini in baracca. Con la compagnia vinco il premio Campogalliani d’oro nel 2006 come miglior burattinaio italiano.

Gli spettacoli dove ho lavorato come capocomico, burattinaio, pittore e scultore delle teste dei burattini sono stati:

2002- Cappuccetto Rosso- burattinaio solo

2003- Il gatto con gli stivali-con Laura Pazzola

2004- C’era una volta il Teatro- con Laura Pazzola

2005- La principessa sul pisello- con Laura Pazzola

2007- Fagiolino e Sandrone testimoni di Genova- burattinaio solo

 

Nel 2005 sono chiamato dalla compagnia ATIR di Milano diretta da Serena Senigallia a partecipare al progetto “Beatitudini” che replica tra l’altro al Mittelfest di Cividale del Friuli e al Festival di Castel del Monte.

 

Dal 2002 lavoro al festival di Montevecchio in Sardegna dove realizzo uno spettacolo, “Silver- la tutela della bellezza” con gli allievi del cantiere Teatrale.

 

Tra il 2002 e il 2003 lavoro a Cagliari con la compagnia Carpe-die realizzando come autore, attore e regista lo spettacolo:

 “SA DIA DE SA ANGIONI (i giorni dell’agnello)”.

 

Con la compagnia Esecutivi per lo spettacolo di Prato realizzo gli spettacoli:

2006- OUTSIDERS

2007- NICHOLAS DE STAEL

 

Nell’estate del 2006 il Trio Amadei di Parma mi chiede di allestire con loro una sorta di concerto-spettacolo ispirato alla musica e alle lettere di Mozart.

Nasce così MOZART, PAROLE E MUSICA dove interagisco con il Trio alternando burattini, ombre e voce recitante.

Nel 2009 costruisco le scene per lo spettacolo “Barbieri” del Teatro Necessario di Parma.

 

Nel 2009 collaboro al progetto “Musicisti senza frontiere” lavorando come burattinaio nel Pierino e il lupo di Prokofiev con l’orchestra diretta dal maestro Alessio Allegrini.

 

Dal 2008 collaboro con il giornalista Riccardo Venturi al progetto di “Inchieste teatrali”. Due le inchieste realizzate: Andavo come una bomba un agghiacciante resoconto sul doping nelle società sportive di minorenni e dilettanti e

Ma che bontà sulle sofisticazioni alimentari di carni, olio e vino.

 

Nel 2009, 2010, 2011, sono l’artista conduttore dell’atelier “Asfodelo”, un progetto dell’Ausl della Valtaro ideato da Caterina Nizzoli a cura della dott,sa Maria Inglese, dove insegno pittura a ragazzi.

 

Nel 2009 il Trio Amadei mi commissiona l’allestimento di uno spettacolo di burattini per il festival Valcenoarte. Nasce così IL FLORINDO INNAMORATO, uno spettacolo di tradizione con protagonista il burattino Sandrone.

 

Nel 2010 il Comune di Parma mi propone un incarico come Burattinaio al Castello dei Burattini- Museo Giordano Ferrari,  negli spazi del museo nasce il Teatro Medico Ipnotico.

 

Realizzo per il festival della poesia lo spettacolo:

FANTASMAGORIA PER FABRIZIO DE ANDRE’ un omaggio al cantautore genovese, con gli arrangiamenti e le musiche suonate dal vivo dal maestro Marco Amadei.

 

Nel 2011 l’incarico è rinnovato e allestisco all’interno degli spazi museali

PARIGI, l’ultimo inverno di Amedeo Modigliani, un viaggio sulle tracce dei fantasmi dei pittori della Parigi d’inizio secolo.

Assieme al ricercatore e storico dell'arte Paolo Parmiggiani progettiamo e realizziamo il ciclo di conferenze- spettacolo "Burattini in cattedra", oltre alla nuova veste grafica del museo.

Realizzo alcune performance con i burattini nelle strade per far conoscere il museo ai cittadini.

 

Nell’autunno 2011 la Sovraintendenza ai Beni Storico-artistici di Parma e Piacenza mi commissiona uno spettacolo correlato alla mostra “Guadagnini, un liutaio alla corte di don Filippo di Borbone” ideata da Andrea Zanrè e Elisa Scrollavezza tenutasi alla Galleria Nazionale di Parma. Realizzo così lo spettacolo Guadagnini non ripete, che si avvale delle musiche suonate dal vivo dalla violinista Lilli Amadei.

 

Dal 2012 ricalcando le usanze del periodo d'oro del teatro dei burattini, allestisco con l'aiuto di Veronica Ambrosini, LE STAGIONI DI SANDRONE, dramma comico in quattro atti unici uno spettacolo a puntate che vede protagonista Sandrone e la sua famiglia, costretti a venire ad abitare in città.

 

A partire da maggio 2012 sono impegnato nel progetto INDRA- tratto dal Sogno di A.Strindberg, uno spettacolo d'attori ( tra cui Oreste Braghieri e Riccardo Manfredi della compagnia La nuova complesso camerata) che vede la mia presenza in scena come burattinaio. Il regista Silvano Voltolina è una presenza storica della compagnia Raffaello Sanzio. Dopo residenze in Bretagna e Alsazia lo spettacolo ha debuttato al Festival Armunia di Castiglioncello ( Li) nel giugno 2013.

 

Nel 2013 allestisco con Veronica Ambrosini LEONCE UND LENA, adattamento per burattini dell'opera di Georg Buchner, che debutta a Trento ad ottobre.

In questo spettacolo Thea e Virginia Ambrosini lavorano come assistenti di baracca. Le musiche originali sono di Marco Amadei e di Luca Marazzi.

 

Nell'autunno del 2013 realizzo lo spettacolo da strada VERDI ! commissionato dal Comune di Parma per le celebrazioni del bicentenario della nascita di Giuseppe Verdi.

Nell’autunno del 2014 sono in residenza a Lione, al Museo Gadagne

e al Museo Guignol di Brindas.

Metto in scena due miei spettacoli “Il Florindo innamorato”e “Black Varietà” tradotti in francese. Tengo conferenze e incontri pubblici sul burattino italiano e sul rapporto tra tradizione e innovazione.

Nel marzo 2015 un mio burattino, il capocomico Lomè, entra a far parte della collezione del museo Gadagne di Lione.

Nell'aprile 2015 debutta SANDRONE REDUCE DALLA GITA A FORNOVO una denuncia in forma di farsa nei confronti di un co-inceneritore attivo nella provincia di Parma.

 

Nel maggio 2015 debutta la nuova commedia “Il Cappello a Cilindro” che vede in baracca anche Veronica e Thea Ambrosini.

 

Nel maggio 2015 il Teatro medico-ipnotico realizza una rassegna di tre settimane, in tutto nove incontri, chiamata “L’ultimo piccione di Verdun”.

La rassegna ha visto ospiti internazionali e rappresentanti di spicco dell’arte classica del teatro dei burattini.

Il finanziamento della rassegna è ottenuto con il contributo di 82 sostenitori che hanno sostenuto la campagna di crowdfunding “L’ultimo piccione di Verdun” un progetto di salvaguardia del teatro dei burattini nella città di Parma.

Nello stesso mese partecipa all’European Opera days con il Trio Amadei in VERDI! sulle note delle ouverture da La forza del destino, Nabucco, I masnadieri di Giuseppe Verdi e da Tannhäuser di Richard Wagner.

Nel novembre 2015 partecipa a NATURA DEI TEATRI
Contemporary Performing Arts Festival di Lenz Rifrazioni
con La Sconosciuta della Senna, una conferenza spettacolo
per raccontare la mia ricerca formale.

Nel gennaio 2016 il Teatro medico-ipnotico realizza la messa in scena del “Pierino e il Lupo” opera del compositore russo Sergej Prokof'ev al Teatro Regio di Parma, in un progetto in collaborazione con il Trio Amadei .

 

Nello stesso anno viene co-prodotto un nuovo spettacolo, insieme al Teatro Caverna di Bergamo e al Teatro del Lavoro di Pinerolo. WERTHER, liberamente ispirato da “Die Leiden des jungen Werthers” di J.W. Goethe, spettacolo inserito in un progetto Europeo di residenze teatrali, che debutterà a giugno dello stesso anno al Festival Di Pinerolo “Immagini dell’Interno”.

In tale occasione viene presentato TOPOLINO, un lavoro che affronta il tema delle morti in mare e delle migrazioni.

 

A maggio 2016 viene pubblicato il libro MANUALE PER UN BURATTINAIO.

Nell'ottobre 2016 debutta al Ridotto del Teatro Regio di Parma lo spettacolo

"IL PICCOLO VERDI" prodotto per il Festival Verdi. Le musiche sono eseguite dal vivo dal pianista Enrico Padovani.

Nell'inverno del 2017 la compagnia presenta sei titoli del repertorio in una rassegna monografica al Teatro Due di Parma.

Nell'estate del 2017 debutta il nuovo spettacolo IN VIAGGIO CON SGORGHIGUELO ovvero meno psicologia e più geografia commissionato dall'Ente parchi dell'Emilia Occidentale.

Nel settembre 2017 la Fondazione Ravasio di Bergamo mi assegna il premio Benedetto Ravasio con la seguente motivazione: "La sua arte è il risultato di una contaminazione colta e acuta tra la tradizione, della quale mantiene vivi i valori più profondi, e la sua personalissima innovazione espressiva".

Nel marzo del 2018 debutta al Teatro Regio di Parma il nuovo spettacolo FAGIOLINO E LA GRU tratto da una novella del Decamerone del Boccaccio. Le musiche sono eseguite dal vivo dal fisarmonicista Nicholas Forlani.

  • Black Facebook Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Twitter Icon
  • LinkedIn - Black Circle

  ASSOCIAZIONE CULTURALE  "TEATRO MEDICO IPNOTICO"

 C.F 02897950347    VIANINO - ITALIA