L’immaginazione è il più potente motore dell’essere umano. Il teatro è la più grande macchina

di immaginazione. Le disavventure di Pinocchio è una creazione incantevole che ci ha rapiti, creazione del Trio Amadei, tre fratelli musicisti che vivono sulle colline della Valceno ma sono famosi in tutta Europa, e del Teatro Medico Ipnotico.
Avete presente quella semplicità che nasce solo da un lavoro di cesello, artigianale e sapiente? Lo spettacolo è semplicemente un capolavoro e parla al bambino che è sepolto in ognuno di noi.
Come Pinocchio, che è nascosto in un pezzo di legno. Un burattino che immagina di diventare bambino. E che, dopo tante disavventure, diverrà un bambino speciale, superando persino la sua stessa immaginazione, travalicando anche il romanzo di Collodi. La musica è la molla che fa scattare l’incantamento, ci si immerge nei colori dell’avventura umana: il caos di una tarantella, la genesi che origina dal disordine, la paura, il vento che fischia nel bosco durante un inseguimento, il carosello dei burattini di Mangiafuoco, l’incontro di padre e figlio nella pancia della balena. Il continuo rimando tra attori in carne e d'ossa con le maschere, sagome e pupazzi ci ricorda che noi siamo un po’ burattini e un po’ umani, che siamo un po’ bestie e un po’ fatati.

 

Che l’origine è sempre una trasformazione, non veniamo dal nulla e non cadiamo nel nulla. Il messaggio ci arriva leggero come la fogliolina di queste originali disavventure di Pinocchio.

 

Donata Meneghelli

  • Black Facebook Icon
  • Black YouTube Icon
  • Black Twitter Icon
  • LinkedIn - Black Circle

  ASSOCIAZIONE CULTURALE  "TEATRO MEDICO IPNOTICO"

 C.F 02897950347    VIANINO - ITALIA